DOLORE, ESERCIZIO, MOVIMENTO: LA PROSPETTIVA DEL FISIOTERAPISTA.

16-17 Novembre 2019, Rimini

SCARICA IL PDF ISCRIVITI


INFORMAZIONI

Segreteria Organizzativa e Provider ECM: AV Eventi e Formazione

Data: 16-17 Novembre 2019, Rimini

Location: Aqua Hotel Via Paolo Mantegazza 12/14 98, Rimini (RN)

Destinatari: Fisioterapisti, Medici Specialisti in Reumatologia, Medicina Fisica e Riabilitativa, Neurologia, Medicina dello Sport, Ortopedia e Traumatologia

Crediti ECM: 16

Partecipanti: 30 + 6*

Docenti:
Paolo Marighetto, fisioterapista, OMPT.

Costo: Early bird 229€ + IVA 279 € (IVA inclusa) (entro il 31 agosto) Prezzo intero 269 € + IVA 329 € (IVA inclusa) (dopo il 31 agosto) – *Studenti CDL in fisioterapia 149 € + IVA (max. 6) 181 € (IVA inclusa)

DESCRIZIONE

Perché il dolore e il movimento sembrano influenzarsi tra loro? Perché l’esercizio è utile e quali caratteristiche deve avere per essere terapeutico? Come interpretare la “Pain Education”?
Le recenti acquisizioni sul funzionamento del sistema nervoso ci impongono di ripensare a questi tre aspetti, che dobbiamo affrontare ogni giorno come fisioterapisti, vedendoli anche da una prospettiva cognitiva e non solo meccanica.
Il corso affronterà il tema del dolore in fisioterapia illustrando lo stato attuale delle conoscenze sull’argomento con lo scopo di evidenziare il passaggio dall’idea di dolore inteso solo come sintomo a quella di dolore come problema a sé stante e spesso non correlato con un danno strutturale.
Verrà analizzata la neurofisiologia legata a questo ambito e verranno proposte strategie di valutazione, approccio, trattamento del dolore nelle sue varie dimensioni (biologica, psicologica, sociale). Soprattutto esplorando l’ambito dell’esercizio. Saranno illustrati e discussi i legami tra dolore e movimento e spiegati i principi dell’esercizio: sia dando delle nozioni di base più teoriche riguardo la sua progettazione e somministrazione sia, dal punto di vista pratico, esemplificando riguardo ai diversi distretti corporei come ideare e somministrare l’esercizio terapeutico